Referendum Salva Italia

From the blog

La geografia del Kazakistan, deserti, laghi, montagne e importanti città

Il Kazakistan è un paese transcontinentale, a cavallo tra Europa ed Asia, ricomprendendo nel suo territorio il fiume Ural, che generalmente è accettato come confine tra i due continenti. Secondo alcune definizioni, che tengono conto unicamente di criteri geo-politici, si tratterebbe di uno Stato completamente asiatico (in questi casi il confine tra Europa e Asia non è posto sul fiume Ural ma lungo il confine del Kazakistan).Il Kazakistan è un paese transcontinentale, a cavallo tra Europa ed Asia, ricomprendendo nel suo territorio il fiume Ural, che generalmente è accettato come confine tra i due continenti. Secondo alcune definizioni, che tengono conto unicamente di criteri geo-politici, si tratterebbe di uno Stato completamente asiatico (in questi casi il confine tra Europa e Asia non è posto sul fiume Ural ma lungo il confine del Kazakistan).

Quel che rimane del porto di Aralsk, una volta situata sulle rive del Lago d’AralCon i suoi 2,7 milioni di km², il Kazakistan è al nono posto tra i più vasti paesi del mondo e ha una superficie pari circa a quella dell’Europa occidentale. Il suo confine con la Russia, a nord e a ovest, lungo 6846 km, è uno dei più lunghi al mondo, secondo solo a quello tra Canada e Stati Uniti. Confina inoltre con il Turkmenistan, l’Uzbekistan e il Kirghizistan a sud, e con la Cina a est. Ha una lunga fascia costiera (1894 km) sul Mar Caspio e una molto più ristretta, di un migliaio di km, sul lago d’Aral, che condivide con l’Uzbekistan.

Morfologia

Il paese è principalmente pianeggiante, se si escludono le pendici montuose orientali e sud-orientali. Il Kazakistan sud-orientale occupa l’estremità settentrionale del Tian Shan e il monte Khan Tengri (7010 m), uno dei più alti picchi del Tian Shan, segna il confine tra la Cina, il Kazakistan e il Kirghizistan. A cavallo del confine, poco più a ovest, ci sono le catene montuose di Küngey Alatau, Zailijski Alatau, Kirghiz Alatau e Talassky Alatau, catene minori del Tian Shan che superano in molti punti i 4000 m.
Il confine orientale che divide il Kazakistan dalla Cina è un susseguirsi di catene montuose e di gole attraversate da strade o dalla ferrovia. Più a nord ci sono le colline Tarbagataj (tra i 2000 e i 3000 m) e, a nord delle sorgenti del fiume Irtyš, i monti Altaj (oltre 4000 m) che si estendono in parte oltre che in Kazakistan anche in Russia, Mongolia e Cina.
Al di fuori di questi territori gli unici altri rilievi notevoli del paese sono le colline Karatau, che in realtà sono un prolungamento del Tian Shan a nord-ovest di Taraz e di Şımkent, e una serie di altipiani che si estendono a ovest delle colline Tarbagataj e che in alcuni punti superano i 1 000 m, come avviene per le colline Shyngghystau a sud di Semey.
Il nord del paese è pianeggiante, costituito soprattutto da steppa, spoglio di alberi, anche se la maggior parte della prateria originaria è stata trasformata in coltivazioni di grano o di altre piante alimentari. Più a sud la steppa diventa sempre più arida, trasformandosi in deserto o in semi deserto (con arbusti sparsi) su buona parte del terzo meridionale del paese.
L’altopiano di Ustyurt, un deserto sassoso, si estende dal lago d’Aral verso il Mar Caspio; a sud-est del lago d’Aral c’è il deserto di Kyzylkum che si divide tra il Kazakistan e l’Uzbekistan; il deserto argilloso di Betbakdala si estende tra il lago d’Aral e il lago Balkash; più a sud c’è il deserto di Muyunkum e a sud del lago Balkash c’è il deserto Sary Ishikotrau.

Idrografia

I fiumi più importanti sono il Syr-Darya (l’antico Jassarte/Jaxartes), che scorre verso nord-ovest attraverso il Kazakistan meridionale e termina nel lago d’Aral; l’Ural, che scorre verso sud dai monti Urali in Russia e sfocia nel Mar Caspio; l’Ili, che proviene dalla Cina e termina nel lago Balkash; l’Irtyš, che attraversa il nord-est del Kazakistan in direzione della Siberia; e infine l’Išim e il Tobol che attraversano il Kazakistan settentrionale in direzione nord e sono affluenti dell’Irtyš.
Il lago Balkash nella parte centro-orientale del paese è il quarto lago dell’Asia per superficie (17.400 km²), ma ha una profondità massima di soli 26 m. La metà orientale è salata mentre quella occidentale è di acqua dolce.
Il lago Chagan è un cratere artificiale creato dal test nucleare Chagan risalente al 15 gennaio 1965, il lago ha una capacità di 100.000 m³.

Clima

Come il resto della regione, il Kazakistan è caratterizzato da estati calde e da inverni molto freddi. Durante i mesi più caldi, luglio e agosto, le temperature massime mensili medie sono di 36 °C ad Almaty e di 38 °C a Semey.
Da novembre a marzo le mattine gelide sono frequentissime ad Almaty, e le temperature pomeridiane rimangono al di sotto degli 0 °C per almeno un pomeriggio su tre. Il terreno è coperto di neve in media per 111 giorni all’anno, mentre le cime dei monti Altaj sono innevate tutto l’anno. Di solito nebbia e foschia si dissolvono entro mezzogiorno. A Semey le mattine d’estate sono le uniche in cui il terreno non sia ghiacciato, mentre da ottobre ad aprile il ghiaccio è padrone. D’inverno non è raro che ci sia la neve, anche se nel caso delle pianure le precipitazioni di qualunque tipo sono molto scarse, la neve ghiacciata permane sul terreno in un sottile strato per 150 giorni all’anno. Le temperature medie giornaliere in gennaio sono di -2 °C ad Almaty e di -11 °C a Semey, mentre le temperature minime annuali possono arrivare a -26 °C ad Almaty e a -37 °C a Semey.
Le precipitazioni annue vanno da meno di 100 mm all’anno nei deserti a 1500 mm sui monti Altaj. Le precipitazioni estive nelle steppe sono dovute soprattutto a violenti temporali, che possono dare origine a brevi ma violente inondazioni locali.

Popolazione

Cavalli nella regione di MangghystauCon la dissoluzione dell’Unione Sovietica erano presenti in numero paritario, poco meno del 40% della popolazione, etnie d’origine russa ed etnie di origine kazaka. Le prime immigrarono nel paese a partire dalla metà dell’Ottocento, le seconde traggono invece origine delle popolazioni nomadi presenti nell’Asia centrale. A questi gruppi principali s’aggiungono gruppi minori deportati durante il periodo sovietico, come gli Ucraini o i Tedeschi del Volga, o gruppi autoctoni quali Uzbechi, Tartari, Karatau, Dzungar e Kirghisi. La necessità di scelta della cittadinanza con la dissoluzione sovietica ha portato una parte della popolazione a optare per la cittadinanza russa, soprattutto gli individui emigrati durante l’ultimo periodo sovietico. In conseguenza di questo cambiamento negli anni novanta del XX secolo vi fu un calo delle popolazioni di ultima immigrazione, come i russi e gli ucraini, e un conseguente aumento in percentuale delle popolazioni autoctone.

Demografia

Evoluzione demografica dal 1992 al 2003.Evoluzione demografica del Kazakistan[13]
1993: 17.093.0001996: 16.741.5192001: 14.841.900 (157ª nazione più popolosa al mondo. Densità: 6 ab/km²)

Etnie

Lo stesso argomento in dettaglio: kazaki.I principali gruppi etnici del Kazakistan sono due: i kazaki e i russi. Seguono minoranze uzbeche, ucraine, uigure, tatare e tedesche, questi ultimi presenti un tempo in numero molto consistente. Infine vi si trovano etnie minori, quali i coreani e i turchi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *